FOSFATO DI ZINCO, DIIDRATO

pexels-photo-305568

CHE COS’È IL FOSFATO DI ZINCO?

Il fosfato di zinco, diidrato è una polvere bianca con una densità di 3,998 (15 gradi Celsius) e un punto di fusione di 900 gradi Celsius. Il composto è solubile in acidi e idrossido di ammonio; insolubile in acqua. Fosfato di zinco, diidrato può essere utilizzato per cementi dentali; fosfori; e rivestimento di conversione di acciaio, alluminio e altre superfici metalliche.

ZINCO FOSFATO CEMENTO – IN MOLTE FORME

Gli usi più comuni di fosfato di zinco è un ingrediente in cementi. È uno dei tipi di cemento più antichi e ampiamente utilizzati in tutto il mondo e può essere trovato in applicazioni che vanno dal dentale all’industriale.

Quando viene utilizzato come cemento dentale, il fosfato di zinco viene creato combinando il liquido di acido fosforico con la polvere di ossido di zinco per formare il composto chimico e la consistenza corretti per il cemento. È noto per il suo eccellente spessore di impostazione e tempo di impostazione, ed è spesso usato per aderire intarsi, ponti, corone e altri restauri dentali permanenti.

Queste stesse caratteristiche hanno portato all’uso di fosfato di zinco e composti correlati in cementi al di fuori dell’industria dentale. La sua resistenza alla corrosione lo rende una soluzione ideale su alcuni metalli quando si cerca di aderire e proteggere.

L’iniettore del fosfato dello zinco inoltre è usato per raggiungere i risultati anticorrosivi sui materiali quali l’acciaio, il ferro ed altri metalli. Più forte della maggior parte dei primer, è spesso visto in applicazioni ad alto traffico o all’aperto, come nelle zone costiere e nelle scale antincendio.

Il suo uso come rivestimento si estende anche alle applicazioni di rivestimento di fosfato con altri elementi. I rivestimenti a base di fosfato possono anche includere manganese e ferro oltre allo zinco. Da solo, il rivestimento del fosfato non raggiunge le proprietà anticorrosive desiderate e come tale deve essere usato insieme allo zinco o ad altri elementi. Spesso, il fosfato di zinco viene utilizzato per prevenire un’eccessiva usura dei materiali oltre agli usi anticorrosione.

All’altra estremità dello spettro di utilizzo, il fosfato di zinco viene talvolta utilizzato per lubrificare i materiali nella produzione di forgiatura a caldo e a freddo. Quando combinati con stearato di sodio, i composti formano un rivestimento stratificato di materiali che aderisce fortemente alla superficie e conferisce al materiale un rivestimento lubrificato.

UTILE, MA MOLTO PERICOLOSO

Se c’è qualche dubbio sul potenziale pericolo del fosfato di zinco per l’uomo, il fatto che a volte sia usato come rodenticida per controllare contro roditori e animali più grandi dovrebbe essere una buona indicazione. L’avvelenamento da fosfato di zinco può essere fatale, specialmente se inalato o assorbito attraverso la pelle.

Il fosfato di zinco può interagire con altre sostanze per produrre un gas tossico ed è necessario per essere smaltito come rifiuto pericoloso. Durante la manipolazione, praticare il massimo livello di precauzione di sicurezza, tra cui indossare guanti impermeabili, occhiali di sicurezza e indumenti protettivi.

CHE COS’È IL FOSFATO DI ZINCO? Il fosfato di zinco, diidrato è una polvere bianca con una densità di 3,998 (15 gradi Celsius) e un punto di fusione di 900 gradi Celsius. Il composto è solubile in acidi e idrossido di ammonio; insolubile in acqua. Fosfato di zinco, diidrato può essere utilizzato per cementi dentali;…

CHE COS’È IL FOSFATO DI ZINCO? Il fosfato di zinco, diidrato è una polvere bianca con una densità di 3,998 (15 gradi Celsius) e un punto di fusione di 900 gradi Celsius. Il composto è solubile in acidi e idrossido di ammonio; insolubile in acqua. Fosfato di zinco, diidrato può essere utilizzato per cementi dentali;…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.